L’autunno è un periodo fantastico, qui a Torino, perché dopo Manualmente, apre le porte la mostra mercato del Villaggio Leumann a Collegno, dove chi ama i filati rischia di lasciarci lo stipendio, oltre che il cuore.

DSCN0488
Il mio acquisto di ieri. Seta tussah di Colori Naturali

Ora io ho deciso di andarci ieri pomeriggio, una cosa che sognavo di fare da tempo ma che non era alla mia portata finché abitavo a circa 800 km di distanza. Fidatevi: se siete nei paraggi a fine settembre, andateci, è un’esperienza bellissima. Non solo perché il Villaggio Leumann è qualcosa di spettacolare, suggestivo al massimo, affascinante (un villaggio sorto alla fine dell ‘800 intorno ad un cotonificio e rimasto oggi esattamente come era allora!), ma anche perché a questa mostra-mercato state certi di trovarci tanti dei designer e produttori di filati che magari seguite già sui gruppi e sulle pagine facebook.

Tra i primi stand, ho riconosciuto subito quello di Elbert Espeleta, tintore il cui negozio lo trovate su Etsy. I suoi filati sono bellissimi e pregiati, ma quello che mi ha galvanizzato di più è stato trovarci, Alessandro Estrella come visitatore (sì, magari sono anche amici e beato lui che avrà avuto uno sconto!). Alessandro è un designer, fa parte del gruppo Magliuomini ma a me è ben noto perché ha aperto un bel gruppo su facebook che si dedica solo ed esclusivamente agli scialli. La mia fissa, lo sapete. E’, manco a dirlo PASSIONE SCIALLI. Ho fatto davvero l’impudica e, con una faccia tosta che non ho di solito, mi sono presentata. E’ stato gentilissimo, mi sa proprio che è una brava persona. Tornata a casa mi sono chiesta se per caso gli avessi dato l’impressione di essere una stalker, e chissà, magari lo sono!

villaggio-leumann-collegno la foto l’ho presa da http://www.guidatorino.com/leumann-un-villaggio-da-fiaba-alle-porte-di-torino/%5B/caption%5D

Passata oltre, vedo una ragazza che filava la lana cardata con uno strumento a pedali, bellissimo! Le Lanivendole di Genova organizzano corsi per imparare l’arte della filatura e vi devo dire che m’è venuta una gran voglia di cimentarmi: realizzare da me il filato sfumato che cerco da tempo, sarebbe il massimo! Anche la loro lana faceva venire l’acquolina in bocca, ma ammetto di aver tenuto a freno la mano che già cercava il portafoglio perché avevo ancora il presentimento di qualcosa di meglio e… AVEVO RAGIONE! Tra gli espositore c’era anche lei, la signora Maria Ferri di Colori Naturali. La sua seta l’avevo adocchiata più di un anno fa e finalmente l’ho avuta sotto mano, ho potuto vederla dal vivo. Sì, era l’acquisto del giorno, e l’ho fatto. Seta tussah di una morbidezza insospettata, colori eleganti, ottenuti ovviamente da erbe tintorie: una meraviglia. Ogni gomitolo è 240 metri di filato, quindi rende moltissimo. Due etti per due scialli WOW!

Soddisfatta, ho fatto un altro tour giusto perché non potevo non ammirare i lavori di Orto Lana a cui si sono dedicate le signore di Cuore di maglia  dopodiché ho preso la via del ritorno con marito e figli che, pazienti e comprensivi, mi aspettavano fuori da un bel po’: mi toccherà ricompensarli con sciarpe e berretti…

Comments are closed.